Cerca

U Porcu. Poesia in dialetto bardigiano di Valentina Selene Medici

U PORCU
Quande u me padron, u me purtava da mangià
pensava che u me vurisse ben
miga che gh’ava da diventà di salamen.
U me caressava e pariva, che u fisse innamurà
invecci u vardava, quantu s’era ingrassà
Creidu, che quande ho smissu de respirà
in po’ de rimorso u l’ha pruvà.
Ma gh’era u sangue da ciapà, i tocchi da tajà.
Du bei presutti da fa stagiunà
e d’istai con u melon, j’erene pronti da mangià.
Cuppa pansetta e con i tocchi restà.
fatti buje ben ben, j’en diventà suprassà.
Col sigulle u fidegu, in padella l’è fenì
i pesén in ta pugnatta, con j’udù, fatti bujì.
E mei che testamentu no miga pudì fa
speru che a Natale in regallu u farà
magari a ina famija che ha gh’a pocu da mangià
Allura u perdunerisse, per aveime imbrujà…

IL MAIALE
Quando il mio padrone, mi portava da mangiare
Pensavo mi volesse bene
Non che dovessi diventare dei salamini.
Mi accarezzava e credevo fosse innamorato
Invece guardava quanto ero ingrassato.
Quando ho smesso di respirare
Credo che un po’ di rimorso lo abbia provato.
Ma c’era il sangue da prendere, i pezzi da tagliare
Due bei prosciutti da far stagionare
E d’estate col prosciutto, erano pronti da mangiare.
Coppa, pancetta e con i pezzi rimasti
Fatti bollire ben bene, sono diventati sopressata.
Con le cipolle nella padella, il fegato è finito.
I piedini nella pentola, con gli odori, fatti bollire.
E io che testamento, non ho potuto fare
Spero che a Natale, un regalo farà
Magari a una famiglia che ha poco da mangiare.
Allora lo perdonerei, per avermi imbrogliato.

Lascia un commento

Il Vostro indirizzo email non verrà reso pubblico

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*