Anno 1958. Parma si fa “strada” a Parigi. By E. Giuffredi. Gazzetta di Parma 29 novembre. 1^ Parte

Trascrizione della prima parte dell’articolo altrimenti illeggibile. ……C’era una volta un “Passage de Parme” nel 15 arrondissermant di Parigi, proprio dietro il mercato-macello dei cavalli a cinquanta passi dall’Avenue de la Porte de Plaisance (Viale di Porta Piacenza). La storia, almeno per quel che vedo, potrebbe cominciare così. Il passage era lungo quarantacinque metri ed il nome gli era stato dato da un tale Chaurelot, proprietario del terreno. l’omaggio alla nostra città, anche se piccolo (son pochi i vicoli di Parigi lunghi solo 45 metri) era evidentemente sincero, forse legato ad una ragione di particolare affetto del gentile signore, il quale passato a vita migliore, lasciò la proprietà ai figli, ed al Comune il dovere di confermare il nome. Invece il nome di Parma andò disperso come forse lo andarono i discendenti del non meglio identificato monsieur Chaurelot. Venne la rivoluzione (che per cambiare i nomi alle strade era quel che ci voleva) ed il modesto “Passage de Parme”scomparve, lasciando il posto a l’impasse Durà (?? Parole non nitide). Dovere storico, forse in omaggio ad un oscuro eroe della rivoluzione. Può darsi: quel che so che Parma a un bel momento si dimentica ed il suo nome rimane ad ondeggiare tra le nebbia e la Senna come un fantasma di buona stampa inglese. Passano gli anni, passa Napoleone che di Parma doveva avere un ricordo particolare, e nel (1819?) il nome della città del grana riebbe una sede. L’aver aspettato tanto tempo aveva giovato per importanza e dimensione. Lunga circa duecento metri, ben squadrata, con palazzi ancor oggi molto belli la “Rue de Parme” fu costruita dopo la demolizione di un albergo, “l’Hotel de mademoiselle Cioncì” un’attrice dell’Opera. In quell’albergo era stato arrestato il girondino Vergniaud il giorno diciassette del mese di giugno 1793 ghigliottinato poi il trentuno di ottobre dello stesso anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *