Anno 1937. VITA MORTE E MIRACOLI DI BUFFALO BILL PARMENSE. Corriere Emiliano-Gazzetta di Parma 10 Marzo. By Luca Cinti 3^ Puntata

SECONDA PARTE
La storia dell’adozione può avere una data di nascita. Non possiamo pronunciarci su quella di William Cody. Comunque potrebbe benissimo trattarsi della comune attività di due uomini senza bisogno di detta versione che naturalmente presume nell’adottante un’età di non poco superiore a quella dell’adottato. Tutto il complesso di fatti che oggi si agitano vanno distinti in due fatti separati se pur concatenati gli uni agli altri. C’è la questione dei tanti milioni di eredità che interessa più da vicino e che per ora più appassiona e c’è l’altra della personalità storica del protagonista, quella che dovrà rivendicare la vera nazionalità di Buffalo Bill. E’ della prima parte di cose che oggi si interessa un valente legale di Parma al quale gli eredi Tambini che nel 1921 riscossero una modesta eredità, hanno dato incarico di tutelare i propri interessi. Non vi è dubbio che Tambini Angela Maria, Anna Maria, Domenica, Rosa e Teresa, tutte nate in Compiano da Antonio rispettivamente nel 1828, 1831, 1834, 1839, 1842 fossero le sorelle di Tambini Giovanni di Antonio nato il 25.02.1837. Il tambini Antonio, padre è nato nel 1800. Gli altri figli, Domenico e Giuseppe, pure nei registri anagrafici del Comune di Compiano, sono nati rispettivamente nel 1824 e 1833. Agli eredi delle cinque sorelle suddette furono già assegnate lire seimila ciascuna dopo lunga vicenda giudiziaria nella quale, dato l’esito, si dovrà riconoscere la qualità di legittimi eredi. Nella vertenza non mancarono valide testimonianze, quali quelle di Toscani Giovanni fu Antonio e Lusardi Bartolomeo fu Andrea da Compiano, nati nel 1865 e 1833 i quali affermarono essere stato il Buffalo Bill precisamente da loro conosciuto in Compiano frazione Barbigarezza, e in America. A che è dovuta la compartecipazione degli eredi Tambini di Faenza? Non vogliamo qui entrare nel merito di una vertenza legale che sta per dibattersi e sulla quale potremmo riferire non meno importanti dati di fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *