Valcenodialetto. Poesia di Valentina Selene Medici. (Bardi). “U SPAVENTAPASSERI.

U SPAVENTAPASSERI

In t in giurnu de primaveira

de in po’ de tempu fa

in mezzu a ingrande prà

in bel spaventapasseri

l’era sta piantà.

Con u compitu de spaventà

chi i semi a sbafu u anava a mangià.

Giurnu e notte sensa gnisson

i ghe favena vegne a depression.

e u contadén in po’ distrattu

gnanca in numme u gh’ava dattu.

Con in leverattu l’ava pruvà a parlà

ma lu u pensava sultantu a saltà.

Se piuviva a pianze u se mettiva

cusei gnisson se ne incurziva.

In giurnu u contadén l’era turnà

per mette ina spaventapasseri

dall’atra parte da strà

e lu de culpu u s’era innamurà.

L’era elegante con in bel cappelén

e denansi in russu scussarén.

U s’è incortu, che l’era ricambià

ma cusei lontan, cumme i pudivena fa?

A gh’à avì compassion ina bella farfalla

e vurandu da spalla a spalla

l’ambasciatrice d’ amure a s’era missa a fa.

Anca i spaventapasseri i gh’an dirittu alla felicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *