I RACCONTI BARDIGIANI DI SILVIA BELLO MOLTENI. Da lontano con amore.

Silvia Bello Molteni, con radici bardigiane, (vedi il link a fine articolo), iniziò a scrivere dopo la morte della mamma avvenuta nel 2012.

La morte di mia mamma nel 2012 è stata per me un grande ferita ma, come ogni ferita, ha aperto qualcosa: ho cominciato a scrivere. I miei primi scritti parlano di lei, ma soprattutto della nonna e della vita a Bardi che nei miei racconti ho spesso chiamato Castelgroppo. Racconti di Bardi sono stati premiati in diversi concorsi letterari, fra questi:” Streghe a Castelogroppo. Con le radici nel baule. Soltanto due dita.

All’interno della prima raccolta di racconti “ Di verso ostile”, Salvioni Editore, anno 2016, presentata in occasione della Festa dell’emigrante di Bardi nell’anno 2017, i tre racconti centrali sono ambientati a Bardi (Castelgroppo). Sono tre narrazioni di una Bardi degli anni ’70 del XX secolo; i protagonisti in primo piano sono la nonna e tre personaggi che si muovono ai “margini” della comunità locale, realmente esistiti, (nel libro hanno nomi diversi). Rileggendo i 3 racconti bardigiani: Anime cantanti. La spia. Uno spettacolo senza biglietto, sono ripiombato inaspettatamente, dopo tanto tempo, in quegli anni lontani (sono nato nel 1957), riconoscendo senza problemi, ma con un groppo in gola questa volta, quei tre involontari protagonisti. Per la prima volta però li ho rivisti e giudicati in un’ottica diversa. La loro emarginazione e lo scherno, la solitudine, la loro disperazione, la follia e, sullo sfondo, l’emigrazione e la seconda guerra mondiale. Silvia, nei suoi scritti, descrive la nonna ed i personaggi con grande delicatezza, profondità e “verismo”, senza dimenticare le simpatiche battute in dialetto, riportandomi indietro negli anni in un paese, una comunità che non esiste più se non in sfuocate fotografie in bianco e nero e nel mio triste cuore. GBC

DI VERSO OSTILE:

https://www.salvioni.ch/product/di-verso-ostile/

https://www.libroco.it/ricerca-libri.php?tipo_sezione=tutte&tipo_search=tutto&search=silvia+bello+molteni

https://www.ibs.it/di-verso-ostile-libro-silvia-bello-molteni/e/9788879673198

ANNO 1942 IL DRAMMA DEGLI ALPINI VALCENESI SUL PIROSCAFO GALILEA. L’ELENCO

IN COPERTINA IL GIOVANE ALPINO LUIGI ZANELLI. SI RINGRAZIA DI CUORE IL NIPOTE CORRADO VERNAZZA PER LA FOTOGRAFIA. SI RINGRAZIA INOLTRE L’ALPINO RENATO ATTI RESPONSABILE CENTRO STUDI ANA DI PARMA PER LA DOCUMENTAZIONE FORNITA.

Dipinto di Paolo Klodic del Galilea, ora con la livrea della società Adriatica (g.c. Giuseppe Boato, via www.naviearmatori.net

http://conlapelleappesaaunchiodo.blogspot.com/2016/07/galilea.html

NOTIZIE TRATTE DA:

IGalilea in navigazione (g.c. Mauro Millefiorini via www.naviearmatori.net

Ricetta Focaccia giardino. Buon appetito con le ricette della Food Blogger bardigiana Sonia Paladini.

Sonia Paladini, di origini bardigiane, è segnalata all’ottavo posto tra i primi 10 Food Blogger in Italia sul mensile Novella Cucina Dicembre 2020. Vi invitiamo a seguirla sul suo Blog di cucina benessere, viaggi e fotografia, con suggerimenti per uno stile di vita sano e naturale. Vincitrice Food Blog Haword 2016. – https://www.soniapaladini.it/

Torta al mandarino senza burro. Buon appetito con le ricette della Food Blogger bardigiana Sonia Paladini.

Sonia Paladini, di origini bardigiane, è segnalata all’ottavo posto tra i primi 10 Food Blogger in Italia sul mensile Novella Cucina Dicembre 2020. Vi invitiamo a seguirla sul suo Blog di cucina benessere, viaggi e fotografia, con suggerimenti per uno stile di vita sano e naturale. Vincitrice Food Blog Haword 2016. – https://www.soniapaladini.it/

MUSICA D’APPENNINO. UN OM CH’U TUCAVA U SON – Dove comincia l’Appennino.

Un uomo che suonava la fisarmonica: cosi` e` presentato Attilio Rocca “Tilion”, il grande suonatore delle Quattro Province [http://www.appennino4p.it], in un bel testo scritto da Bani che qui lo accompagna ancora una volta in occasione di una cena all’osteria della sua Ozzola. Lo stile composto e sicuro e` quello ricordato da chi lo vide in Liguria molti anni fa: “sembrava che neanche suonasse!”. Dopo la Galopera, una mazurca e un altro valzer, al fianco di Attilio si avvicenda il suo compaesano Davide Bazzini, che dopo un solo anno di apprendistato suona gia` in modo promettente.

DOVE COMINCIA L’APPENNINO: 

http://www.appennino4p.it