GUIDA AI SENTIERI DELL’APPENNINO PARMENSE. I Borghi storici di Val Taro e Val Ceno. By Andrea Greci. Valcenolibri

INDICE ITINERARI: Roccaprebalza, Prelerzo, Corchia, Valbona, Belforte, Compiano, Alpe, Viazzano, Bardi, i Borghi della Val Noveglia, Pozzolo di Bore.

Tra storia e tradizione
Anche per i borghi storici della Val Taro e della Val Ceno i boschi e le montagne incorniciano antichi insediamenti strade, case, chiese, castelli e rovine raccontando lo scorrere dei secoli.

Castagneti e rocce
La piccola Val Manubiola, piccolo lembo di terra compreso tra Berceto, il Passo della Cisa e il fiume Taro, conserva quattro significativi esempi di piccoli e suggestivi borghi immersi tra i castagneti e circondati da rocce ofiolitiche.

Il fascino di Corchia
Tra questi Corchia è sicuramente il più affascinante e conosciuto: i passaggi voltati, le case in pietra che conservano fienili in legno, la vicinanza delle miniere e le strade ammantate di silenzio e di leggenda, ne fanno uno dei «luoghi simbolo» dell’Appennino.

Gli altri gioielli
Anche il vicino borgo di Valdena mantiene intatta la sua inconsueta ed antica struttura urbanistica «sparsa», mentre Pellerzo (o Pelerzo) è un perfetto quanto minuscolo esempio di borgo agricolo risalente al XVIII – XIX secolo. A breve distanza dal corso del torrente Manubiola si trova invece Roccaprebalza che mantiene intatta la struttura fortificata tardo-medievale. Proseguendo verso ovest si incontra, poco sopra la strada di fondovalle della Val Taro, un’altra «perla» tra i borghi dell’Appennino parmense: Belforte, alto su uno sperone roccioso con le rovine del suo castello.

Compiano e il suo castello
Più a monte Compiano domina il fiume con il suo castello turrito e una struttura urbanistica immutata nei secoli.

I colori di Alpe
Il piccolo paese «dipinto» di Alpe colora invece un piccolo angolo dell’alta Val Taro, mentre Bozzolo di Bore, si distende sotto uno sperone di roccia vulcanica in una delle zone meno abitate della media montagna. La Val Ceno infine ospita tra i più antichi insediamenti storici dell’Appennino parmense.

Bardi, lo scrigno di roccia
Oltre a Bardi, vero scrigno di roccia, dominato dallo spettacolare castello dei Landi e custode di una storia secolare e di un capolavoro giovanile di Parmigianino, i borghi della Val Noveglia rimandano all’alto medioevo e alla dominazione Longobarda, così come Viazzano, splendido esempio di borgo collinare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *