TESORI NASCOSTI IN VALCENO. Bardi – Chiesa parrocchiale Beata Maria Vergine Addolorata – Busto della Vergine, di Francesco Nuvolone detto il Panfilo (XVII sec)

Carlo Francesco Nuvolone (MilanoICremona ?, 1609 – Milano1662) è stato un pittore italiano. Esponente, come il fratello minore Giuseppe Nuvolone (16191703), della scuola lombarda del XVII secolo, Carlo Francesco frequentò l’Accademia Ambrosiana dove fu allievo del padre Panfilo Nuvolone (15811651) e di Giovanni Battista Crespi detto il Cerano (15571632).

https://it.wikipedia.org/wiki/Carlo_Francesco_Nuvolone

I CASTELLI DELLA VAL CENO. LA CARTINA E UNA SINTETICA BIBLIOGRAFIA.

Da alcune settimane  stiamo presentando, con una breve e semplice scheda, le tante fortificazioni, più o meno conosciute, che hanno segnato, nei secoli, il nostro territorio. Come si può osservare nella cartina pubblicata, i tanti castelli della Valceno individuati sono stati suddivisi in:

  1. Castelli esistenti e ben conservati.
  2. Castelli diruti.
  3. Castelli scomparsi ma localizzati.
  4. Castelli scomparsi di difficile localizzazione o di incerta esistenza.

Oltre alle schede sulle fortificazioni presenteremo articoli vari sulle leggende, recensioni di libri, filmati e tutto quello che riguarda il nostro territorio.

Agli interessati che volessero approfondire rimando alla bibliografia che segue.

Giuseppe Beppe Conti

BIBLIOGRAFIA PARZIALE CASTELLO DI BARDI E CASTELLI DELLA VAL CENO

  • Associazione Castelli del Ducato di PR e PC – Castelli del Ducato di PR e PC 2002 – 2002
  • – Riapre il Castello arricchito il Museo del Bracconaggio, Mostra sul Fantasma – in VFB n. 81/02
  • – Ciak si gira. A Bardi il Castello dell’Innominato – in VFB n.81/02
  • – La Cappellina Landi nel Castello di Bardi, in VFB n. 106/08. (Novembre 2008 n. errato)
  • Varano de Melegari. Castello e Autodromo, in Insieme Dove? – n.4/2003
  • AA.VV. – Il Ducato di Parma, Piacenza e Gusatalla (Guida turistica) –PC – Servizio Stampa Editore–2000
  • AA.VV. – Testimonianze del passato. Calendario 1998 –Novecento Grafico – BG
  • AA.VV – Alla luce a Bardi un manoscritto che parla di un tesoro nel castello
  • AA.VV – Castelli d’Italia e d’Europa- enciclopedia – Hobby Works
  • AA.VV. – I Castelli Ghibellini. Un viaggio tra la storia, l’arte e la gastronomia nell’appennino parmense e piacentino. – GAL SOPRIP – 2000.
  • AA.VV – Castelli e rocche del piacentino, in NG – 1/1/1913
  • AA.VV – Castelli parmensi: Bardi, Bargone, Felino, Fontanellato, Montechiarugolo, Noceto, Roccabianca, Tabiano, Torrechiara, Varano Melegari. Disegni e litografie di Alberto Pasini – Parma – Litografia Zucchi – 1850-1851
  • AA.VV – Crescere oggi 4° elementare – Atlas – Bo – 1989
  • AA.VV – Dimore e giardini storici in Italia – Electa – ANNI VARI
  • AA.VV – Epoca delle Signorie. Le corti – Federazione CC.RR.BB.MM.E.R. – 1985
  • AA.VV. – La Fortezza di Bardi e le sue raccolte – PR – Edicta – 2006
  • AA.VV – I Longobardi a Reggio Emilia ed in Emilia Occidentale – 1994
  • AA.VV – Il castello di Bardi – Centro Studi Valceno – 1981
  • AA.VV – Italia meravigliosa – Touring club italiano
  • AA.VV – La signoria di Montarsiccio e di altri castelli di Val Taro e Val Ceno – BSP 16 (1921) 189
  • AA.VV – Mondo della natura in Emilia Romagna – Federazione CC.RR. – 1990
  • AA.VV – Per la rocca di Bardi – D.S.P.P.P. –PR -1961
  • AA.VV – Rocche fortilizi castelli in Emilia Romagna/Marche – Consorzio Banche popolari – 1988
  • AA.VV- Storia d’Italia 5 – I documenti – Einaudi – 1980
  • AA.VV. – Castelli e Borghi. Alla ricerca dei luoghi del Medioevo a Parma e nel suo territorio – MUP- PR – 2009
  • Armani A. – Un giorno…….Una gita – Il Cammino Val Ceno – Quaderno n. 4 -2010
  • Associazione Castelli de Ducato di Parma e Piacenza – Ricordanze di Sapori nei castelli del Ducato. Cene dell’Estate 2009 e anni precedenti – depliants illustrativi della manifestazione
  • Azienda Promozione turistica – Andar per rocche pievi e castelli –A.P.T. anni vari depliant
  • Azienda promozione turistica di Pr – I castelli del parmense – S.N.T.
  • Bacchetta JM – La rocca di Bardi (studio universitario) – S.N.T
  • Baldini G. – Edifici storici dell’Emilia Romagna – Policleto- 1991
  • Bardi, Amministrazione Comunale – I Farnese al castello di Bardi – A.G.Silva-1997 ( Mostra 1997)
  • Bardi, Amministrazione Comunale – Segmenti (Guida alla Mostra 1998)-Benedettine-1998
  • – Bardi. Non solo castello, in Insieme Dove? – n.4/2003
  • Bell’Italia – Febbraio 1997 con Supplemento sui castelli del parmense
  • Bersani G. – Il nostro castello, in VAL n. 49 Agosto 1967
  • Bontempi P.C. – Museo dei Castelli – 1996
  • Bontempi P.C. – La nascita della fortezza di Bardi e la sua prima struttura architettonica, in A.C. Bardi. Alle origini del potere. Bardi 1999
  • Botti F. – Cronistoria di Roccalanzona, in CE 1934, 3 febb., p. 4; 9 febb., p. 4
  • Botti F. – Prigionia e fuga di Annibale Bentivoglio dalla rocca di Varano Melegari, in G.P. 06/05/1957
  • C. – Il castello di Bardi – in GM – 3 e 6 Ottobre 1923
  • Camboni D. a cura – Castelli affascinanti e misterosi: tutti da visitate. In Assemblea E.R. gennaio/aprile 2010
  • – Castelcorniglio. Un gioiello nella Val Pessola, in Insieme Dove? – n.4/2003
  • C.B. – In costante aumento il numero dei visitatori, in VFB n. 14/1984
  • C.G. – Il Castello di Gravago, in VFB n. 23/1987
  • C.G. – Mostre ed itinerari in castello, in VFB n. 7/1983
  • C.R. e C.G. – Al Castello le nuove mostre estive di arte e folklore nella nostra valle, in VFB n. 7/1983
  • C.S.V.C. / C.A.S. – Castelli di Bardi in Val Ceno e Compiano in Val Taro – Depliant
  • Capacchi G. – Castelli parmigiani – Silva – 1979
  • Capacchi G. – I castelli della montagna parmigiana
  • Capelli G. – Castelli di Parma . Rocche e torri dall’Appennino al Po – Pr – Battei – 1992
  • Casanova – Galetti – La linea del tempo 2 – Zanichelli – 1990
  • – Castello di Golaso. Il gusto di viverci dentro, in Insieme Dove? – n.4/2003
  • Cassarini A. – Castelli, rocche e rocche storiche della provincia di Parma con cenni illustrativi – Bologna s.a.
  • Centro Studi Val Ceno – Catalogo 1981 Mostra Fatti uomini terra
  • Centro Studi Val Ceno – Il castello di Bardi – S.N.T.
  • Centro Studi Val Ceno – Medici e speziali Guida mostra 1986
  • Centro Studi Val Ceno – Mostra pergamene 1976
  • Centro Studi Val Ceno – Pittura parmense 1977 Guida mostra
  • Centro Studi Val Ceno – Scenografie teatro nella mostra 1989 – Fotocopie
  • Cerocchi S. – Roccalanzona. Castello, Chiesa e l’epigrafe del primo giubileo – Dierre -Felegara-2009
  • Cerri L. – Attorno al castello di Montarsiccio in Indic. Eccl. Piac. 54 (1923) XXXVII-XL
  • Cerri L. – Il castello di Bardi – Piacenza – S.T.P. – 1912
  • Cirillo G. – Guida artistica del parmense – volume II – Silva – Parma – 1986
  • Comunità montana Val Taro Val Ceno– I^ biennale incisione catalogo -1993
  • Comunità montana Parma Est – V rassegna internazionale di musica medioevale – 1998 – Depliant
  • Conti A. – I conti e la rocca di Bardi dal 1096 al 1256, in Il Corriere Romeo n. 17 anno 9 – 2003
  • Conti G. – Fortezza di Bardi-Note storico artistiche – Pr – Nova Stampa – 1989
  • Conti G. – Il castello di Bardi – SNT
  • Conti G. – Il castello di Bardi-I fortilizi locali-Le nostre leggende – F.G. Parma – 1986
  • Conti G. (a cura di) – La fortezza di Bardi ed i castelli della Valceno – Fava –1995
  • Conti G. – La Fortezza di Bardi. Breve guida alla visita – SNT – 2001
  • Conti G. – La Fortezza ed il borgo di Bardi durante i secoli. Note di storia locale – SNT – 2002
  • Conti G. – Truppe farnesiane al castello di Bardi, in VFB n. 84/2002
  • Cooperativa Diaspro Rosso – La fortezza di Bardi – Cooperativa Diaspro Rosso – 1990
  • Cooperativa Diaspro Rosso – Fortezza di Bardi (Parma) – depliant –1998
  • Cooperativa Diaspro Rosso – La fortezza di Bardi antico feudo imperiale. Guida-
  • Cooperativa Diaspro rosso – Rassegna stampa 1996/97
  • Cordani Roberta (a cura di) – Il castello. Itinerari milanesi e lombardi. Mito arte e storia in Italia e in Europa – Celip 2011
  • Corna A. – Castelli e rocche del Piacentino – Pc – U.T.P. – 1914
  • Credali A – Il forte di Bardi durante l’insurrezione del 1831- AP – 1932 – pp. 178-189
  • Credali A. – Storie di castelli parmensi – Parma – La Nazionale – 1968
  • Delgrosso E. – Il castello di Gravago. In Val Noveglia una vecchia storia, in Insieme Dove? – n.9/2004
  • Dezza A.- Catalogo mostra 1976 al castello di Bardi
  • Dimitri F. – Guida alle case più stregate del mondo – Castelvecchi – 2004
  • Dinicastro M./Gullà D. – Il cavaliere fantasma del castello di Bardi –2001
  • Distretto Scolastico n. 5 – Scorre all’insu’ Guida della mostra – Fornovo – 1998
  • Distretto Scolastico n. 5 Fornovo Taro – A Scuola di territorio – Fornovo – 2000
  • Emilia Romagna Regione – Guida ai musei dell’Emilia Romagna – Milano – Electa – 1984
  • Emilia Romagna Regione – Il progetto invisibile – Regione Emilia Romagna – 1985
  • Emilia Romagna Regione – Le ofioliti dell’Appennino Emiliano – Regione Emilia Romagna – 1993
  • Ente Provinciale Turismo – Castelli della provincia di Parma – S.N.T.
  • F.A.I. – Dimore e giardini Emilia Romagna – 1992
  • F. M. – La singolar Tenzone, in VFB n. 67/1998
  • F. M. – I Farnese al Castello di Bardi, in VFB n. 63/1997
  • Fermi S. – Il castello di Gravago – BSP – ann. 1928
  • Fermi S. – La rocca di Bardi, in Giovane Montagna , n. 4, 1938.
  • Fermi S. – La rocca di Bardi nell’Arte in BSP annata 1938 pp. 128-131 *
  • Ferrari F. – Banchetto medievale al Castello, in VFB n. 39/1991
  • Ferrari F. – Il Castello di Bardi e le sue leggende, in VFB n. 39/1991
  • Ferrari F. – Il Castello di Bardi, in VFB n. 46/1993
  • Ferrari F. – Cena storica al Castello, in VFB n. 47/1993
  • Ferrari F. – Cena al Castello, in VFB n. 51/1994
  • Finadri G. – Castelli sconosciuti del parmense – Parma – Stamperia scrl – 2012
  • Fiori A. – I castelli di Bardi e Compiano nelle alte valli del Taro e del Ceno, tesi di laurea discussa alla facoltà di Magistero di Parma anno accademico 1989/90
  • Fornari S. L. – Parma-I castelli – Parma – EPT 1985
  • Franzè G. – L’ultimo Duca di Parma – Modena – Artioli
  • Fumagalli V. – Il castello di Bardi attraverso la storia dell’Appennino Emiliano Occidentale – To – S.E. Allemandi – 1994
  • Fumagalli V. – Il castello di Bardi-nascita di un borgo militare – C.S.V.C. – 1974/82
  • Frattini G. – Val Ceno. Terra di castelli e leggende – PR – Battei – 1999
  • Genco G. – Lamenti e grida nelle segrete del castello, in VFB n.82/2002
  • Ghidiglia Quintavalle A. – Castelli diruti e scomparsi nell’alpe parmense – AP 38 (1954) 12-20
  • Ghidiglia Quintavalle A. – I castelli del Parmense – Parma – “Il Raccoglitore” – 1955
  • Ghidiglia Quintavalle A. – Vestigia d’arte nel castello di Bardi – in ASPP 1961 – pp. 195-198 *
  • Ghidiglia Quintavalle A. – Vestigia d’arte nel Castello di Bardi; in AA.VV.-Per la rocca di Bardi-D.S.P.P.P.-1961
  • -Gran tour zona viaggi d’Italia, in Vivere n.100, agosto 2010
  • Grottanelli L. – Ricordi storici della famiglia Ercolani di Senigallia marchesi di Fornovo e Roccalanzona. Fano 1902
  • Guerrieri D. – Scoprire e Vivere 19 Castelli del Ducato di Parma e Piacenza – Quadra – 2002
  • I.B.C. – Musei e raccolte Emilia Romagna – Enti Locali – 1984
  • – In castello una mostra di fotografie per ricordare Maria Luisa Forlini, in VFB n.120/2013
  • – In volo sui castelli, in M. Il mese di Parma n.177 febbraio 2014
  • Istituto Comprensivo di Bardi – La Casa-torre tra insediamento e difesa – Centro Studi Val Ceno – 1999
  • La signoria di Montarsiccio e di altri castelli di Val di Taro e Val Ceno in BSP 16 (1921) 189 *
  • Lanzoni A. – Roccalanzona [versi] in Per l’arte 13 (1901) 637 *
  • Lazzari T. – Castello e immaginario dal Romanticismo ad oggi (catalogo mostra) – Battei – 1991
  • Lugli L., a cura di – I Castelli del Parmense e del Piacentino. Un omaggio a Vito Fumagalli – C.Studi Val Ceno – 2007. Catalogo della Mostra
  • Luxardo, De Franchi – Il castello di monte Corneto in Val di Ceno, in BSP 58 (1963)
  • M.F. – Il 600 alla corte dei Landi, in VFB n. 31/1989
  • M.F. – Il 600 alla corte dei Landi, in VFB n. 33/1990
  • M.F. Rivive in castello il 600 dei Landi, in VFB n. 35/1990
  • Macchiavelli G. – La lapide giubilare di Roccalanzona e le sue vicende. Parma, 1937
  • Maggi S./ Artocchini C. – I castelli del Piacentino – Piacenza – U.T.E.P. – 1967
  • Maggi S. – L’architettura militare nella rocca di Bardi in “Bollettino” dell’Ist. Stor. E di Cult. Dell’Arma del Genio genn.-marzo 1964
  • Maggi S. – La rocca di Bardi – “La vos del campanon” – Agosto – 1963 *
  • Maggi S. – Nasalli Rocca E. – La rocca di Bardi – Bollettino dell’Istituto di Storia e Cultura dell’arma del Genio” – Gennaio – Marzo 1964
  • Manfredi G. – Il presidio militare di Bardi in alcune inedite carte farnesiane (1717-1720) – ASPP 1961 – pp. 199-212
  • Manfredi G.– Il Presidio militare di Bardi in alcune inedite carte farnesiane /1717-20); in AA.VV.-Per la rocca di Bardi-D.S.P.P.P.-1961
  • Marazzoni, Visconti .. – I Castelli del piacentino. PC – Bertola – 1868
  • Marcheselli T. – Sessanta castelli parmensi in G.P. 1968, 21 febb. P. 3
  • Marchesini C. – I castelli dei Pallavicino tra Val Ceno e Val Taro (secoli XII-XV), in ASPP 2007
  • Maruffo/Sattasano (a cura di) – Medioevo in Mostra – AL – Alessandria Editrice – 2002
  • Massa E. – Leggenda e storia attorno ai castelli parmensi – CE 1934, 22 e 27 Febbraio 1936, 24 Maggio pag. 4
  • Mazzera C. (a cura di) – Il Castello di Bardi in Valceno. Guida alla visita, notizie storiche e curiosità – 2011
  • Media F. T. – Articoli e servizi 15/05/95 15/05/96 (Fotocopie di articoli vari)
  • Media F.T. – Articoli e servizi 1/7/93 5/6/94 (Fotocopie di articoli vari)
  • Media F.T. – Rassegna stampa 1999 (Fotocopie di vari articoli)
  • Mendogni P.P. – Il Medioevo a Parma. Chiese e castelli – Proposte Editrice – PR – 2003
  • Micheli A. – Il castello di Mariano e Castelcorniglio ( secolo XI ) – Salsomaggiore – S.G. termale – S.D.
  • Micheli G. – Il castello di Gravago ; per il convegno Angeli a Gravago – Parma 1943 – pp. 21-27
  • Micheli G. – Il castello di Gravago e le Caminate in Val di Ceno – GM 15 Luglio/15 Agosto 1942
  • Micheli G. – La lapide di Roccalanzona in AP 14 (1930) 164-166
  • Ministero Beni Culturali – Frequentando il passato luoghi e cose – depliant – 2001
  • Monetti, Zaniboni – I borghi piu’ belli dell’Emilia Romagna – Inchiostro blu – 1997
  • Morosetti A. – Antiche rocche e castelli fra Appennino Emiliano e Prealpi Lombarde – DC&E – 2014
  • Moruzzi G. – Divagazioni in margine al Banchetto medioevale al Castello, in VFB n. 39/1991
  • Musa S. – Il castello di Montarsiccio in BSP 50 (1955) 9-16
  • Museo nel Castello di Bardi se il Municipio sarà spostato in paese? (Un), in VAL n. 6/1965
  • Nasali Rocca E. – La rocca di Bardi – ASPP 1961 – pp. 173-194
  • Nasalli RoccaE. – La rocca di Bardi; in AA.VV.-Per la rocca di Bardi-D.S.P.P.P.-1961
  • Orlandi P. – Il progetto invisibile – Regione Emilia Romagna – 1985
  • Orologio del castello (L’), in VAL n. 6/1965
  • Ortolano G. – 101 luoghi insoliti in Italia dove andare almeno una volta nella vita – Newton Compton E. – 2010
  • Paoletti P.M. – Castelli del Parmense in Le Vie d’Italia 71 n.11, 1309-1321
  • Parma Amm. Prov.le – Andare per conoscere e capire 1985 ( 5 volumi ) – Parma Amm. Prov.le – 1985
  • Parma Amm. Prov.le – Andare per conoscere e capire 1986 – Parma Amm. Prov.le – 1986
  • Parma Amm. Prov.le – Andare per conoscere e capire 1987 – Parma Amm. Prov.le – 1987
  • Parma Amm. Prov.le – Andare per conoscere e capire 1988 – Parma Amm. Prov.le – 1988
  • Parma Amm. Prov.le – Andare per conoscere e capire 1989 – Parma Amm. Prov.le – 1989
  • Parma Amm. Prov.le – Parma una provincia fuoriclasse – 2009
  • Parma, Amm. Prov.le – I Musei della Provincia di Parma – Cartina/Depliant – 2010
  • Parma Turismi. – Appennino Parmense. Vieni a vivere la terra delle tue vacanze- depliant – 2000
  • Il Parmigiano Reggiano, periodico del Consorzio Formaggio P.R. – n.1/99
  • Pellegri M. – La ricostruzione ideale del castello di Roccalanzona, in GP 1959, 26 ott.
  • Per la storia del castello di Montarsiccio in BSP 16 (1921) 141
  • Perogalli C. – Castelli e rocche di Emilia Romagna – Mi – Gorlich – 1972
  • Petracco Siccardi G. – Un problema topografico ……….. – La Nazionale – Estratto A.S.P.P. – 1970
  • Quintavalla G. – I castelli di Monte Lama e di Pietragemella – Val Ceno Dicembre 1968
  • Quintavalla G. – L’antico Castello di Pietragemella – Val Ceno Settembre Ottobre 1968
  • Quintavalla G. – La Val di Lecca ed il suo antico castello di Pietracravina – Valceno, Marzo, 1968
  • Quintavalla G. – L’ultimo comandante il Forte di Bardi in “Valceno” Bardi marzo 1969 (su Pellegrino Gabbi)
  • Quintavalla G. – La Duchessa Maria Luigia nel forte di Bardi – Val Ceno Agosto Settembre Ottobre 1969
  • Quintavalla G. – Un prezioso dipinto che fu nel Castello di Bardi, in VFB n. 29/1989
  • R.B. – Corteo storico a Bardi, in VFB n. 30/198
  • Rastelli C. – Vite degli ufficiali valsesiani che servirono agli eserciti del grande Imperatore Napoleone I – 2002
  • Ravasini G. – Il castello di Bardi – in “Rassegna mensile” – Parma – Gennaio 1928 – pp. 16-19
  • Ravasini G. – Il castello di Bardi: storia d’un tempo e necessità d’oggi – in “Il popolo d’Italia” – 17 Agosto 1927
  • Ricci W. – Grilli G. – La frontiera americana – SNT – 1994 ( Catalogo mostra 1995)
  • Ridolfi R. – La rocca di Bardi – in “Valceno” – Bardi – Febbraio Marzo 1973
  • Roberti R. – In giro fuori Parma. La guida della provincia per ragazzi – PR – PPS ed. – 2011
  • Rossi M. – Le macchine da guerra ……. Catalogo Mostra – Gruppo storico San Galgano – 1997
  • Rulli E. – Il castello di Compiano – Compiano Arte Storia – 1987
  • Sartorio L. – Magica rozada ed San Zvan – Gazzetta di Parma – 2014
  • Sbuttoni G. – Il castello di Bardi – Fotocopie ricerca universitaria –SNT
  • Schenoni G. – Fortilizi minori e sconosciuti dell’alto Taro e Ceno, in BSP 67 (1972) 85-90
  • Schenoni Visconti P.C.M. – descrizione delle fortezze di Bardi e Compiano dal ‘600 al ‘700, in ASPP 2007
  • Settia A. – Castelli medievali – Il Mulino – 2017
  • Silvestri G. – Castelli del Parmense – Vie d’Italia 1952, Giugno, 778-786
  • Tabarelli G.M. – Castelli, Rocche e Mura d’Italia – Bramante – 1992
  • Testi L. – Copertini G. – Inventario degli oggetti d’arte d’Italia – Provincia di Parma – Roma – Libreria dello Stato – 1934
  • Touring Club italiano – Emilia Romagna/1 Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena – T.C.I. – 1985
  • Touring Club Italiano – Emilia Romagna – Guida d’Italia-T.C.I.
  • – Tra storia e leggenda. Castello di Bardi, in Bell’Italia – Emilia Romagna. Inserto di Bell’Italia Marzo 2013
  • Un percorso d’altri tempi, in Medioevo n. 4 Aprile 2004
  • Università degli Studi di Parma – Parma per gli economisti agrari – 1987
  • Viaggio in Italia n. 6 – Emilia Romagna, in Panorama anno 2002
  • Visita al Castello nel Seicento, in Aurea Parma, 19 (1935)
  • Zanetti F. – Castelli e leggende di una valle parmense – GM – 11.04.1925
  • Zarattini G. C. – Veri tesori d’arte nei castelli del Parmense in Il Popolo Italiano 1957, 9 ott.
  • Zoni M. – Il castello che non c’è, ma non solo. Un itinerario turistico in Valceno in: Bacchi G. (a cura di) – L’Appennino emiliano. Omaggio a Vito Fumagalli – Comune di Bardi – 2008
  • – Il Castello nel “Giorno”, in VFB n. 62/1997
  • – Le mostre in castello, in VFB n. 19/1986
  • – Mostra in Castello su S. Colombano, in VFB n. 50/1994
  • – Spettacoli per un castello, in VFB n.19/1986
  • – Varsi e il Barigazzo. Storia, lago e aria buona, in Insieme Dove? – n.4/2003
  • www.castellodibardi.info

(Per informazioni beconti1957@gmail.co )

ANNO 2017. BARDI. GRANDE FESTA PER I PARROCI DON DANTE E DON LUIGI. VALCENOPERSONAGGI

FOTO GIUSEPPE FACCINI – GISELLA BERTORELLI

Domenica 11 giugno è stata una giornata molto importante per la comunità parrocchiale bardigiana.Oltre la Messa cresimale presieduta dal Vescovo della Diocesi di Piacenza Gianni Ambrosio, gli Amici della Parrocchia di Bardi, unitamente a tutta la comunità hanno voluto ricordare e festeggiare i due sacerdoti Don Dante Concari nel 65° Anniversario di Ordinazione e Don Luigi Pini per il 40° Anniversario di ordinazione.La lieta cerimonia si è tenuta presso la Casa della Gioventù di Bardi, dove i sacerdoti, accolti da tantissimi parrocchiani ed amici, sono stati festeggiati con calore e simpatia. E’ stato anche organizzato un rinfresco accompagnato da una brillante orchestrina che ha allietato il pomeriggio. Ai due festeggiati è stato offerto un ricordo della giornata e a loro sono andati i ringraziamenti per la testimonianza, per la presenza costante, silenziosa, continua nella comunità locale e per il costruttivo supporto consiglio, aiuto alle attività degli Amici della Parrocchia di Bardi che nei due sacerdoti vedono, unitamente a tutta la Comunità, un fondamentale punto di riferimento.

LE LEGGENDE DEI CASTELLI DELLA VAL CENO – L’ASSEDIO – FORTEZZA DI BARDI

LEGGENDA TRATTA DA: CONTI G. – LEGGENDE DELLA VAL CENO – CENTRO STUDI VAL CENO – 2015

L’ASSEDIO

Dal Mastio, Goffredo il castellano della Rocca di Bardi, osservava in silenzio i fuochi degli assedianti che, ormai da 16 mesi, stringevano in una morsa spietata i difensori.

In quel lungo periodo ogni attacco, sferrato giornalmente, era stato respinto ed i morti non si contavano più ne da una parte ne dall’altra.

Le possenti mura della fortezza nonostante le catapulte, gli arieti, gli assalti con le torri in legno resistevano saldamente; era il morale dei difensori che aveva ormai ceduto in quelle ultime settimane. I pensieri correvano al secondo durissimo inverno che avrebbe, fra non molto, riportato il freddo e la neve, con le scorte di viveri quasi finite.

Erano gli sguardi silenziosi dei suoi soldati, era il volto pallido dei bambini e delle donne che rattristavano Goffredo. La paura era una sensazione invisibile aleggiante sui difensori; non timore per la propria fine, ma per la strage che avrebbe coinvolto anche le loro famiglie in caso di resa.

Il castellano scese le ripide scale in pietra del Mastio e, accompagnato dalle sentinelle, percorse i camminamenti di ronda. I fuochi del nemico illuminavano tenuamente le centinaia di tende dove riposavano altri militi nell’attesa di un’altra alba di battaglia.

Vi era solo un motivo di consolazione per Goffredo; con il passare dei mesi aveva visto scomparire anche sul volto degli invasori quell’aria baldanzosa e sicura che li aveva contraddistinti nei primi mesi di lotta.

Il nemico, giunto nei pressi di Bardi, aveva saccheggiato il paese distrutto i campi di grano tutt’intorno, trovando pochissimi viveri già da tempo trasportati nei granai, nei magazzini e nella ghiacciaia della rocca. Per la scarsità di cibo continui rifornimenti arrivavano al nemico dalla città lontana, con gravi problemi di trasporto.

Goffredo, prima di ritirarsi nel suo alloggio, fece un’ultima visita ai granai, dove rimanevano 3 sacchi di grano e alla stalla dove era ricoverata un’ultima vacca. “E’ la fine” pensò, mentre un’angoscia terribile, lo fece rabbrividire, non rimaneva che un ultimo tentativo, una assurda idea che già da diversi giorni lo stava tormentando, ma a questo punto non rimaneva altro da fare.

Alcuni soldati corsero a svegliare tutti gli ufficiali e sotto ufficiali convocandoli nel corpo di guardia della torre di Sud-Ovest dove Goffredo li stava aspettando per esporre il suo piano.

L’alba della Domenica giunse carica di ansie, le trombe avvisarono i difensori dell’imminente assalto. Gran parte delle forze nemiche erano concentrate sotto gli spalti di Nord-Est dove si sperava di aprire più facilmente una breccia con l’aiuto di catapulte.

I fanti erano già schierati aspettando l’ordine di attacco, quando dagli spalti si affacciò il castellano riccamente vestito con un abito nero da cerimonia. Egli, senza curarsi degli arceri che potevano colpirlo in ogni istante si issò sulle mura urlando verso il nemico queste parole:

“Vi Vedo pallidi e stanchi soldati! Come ogni giorno di festa noi banchettiamo, ed oggi abbiamo deciso di dividere con voi le nostre pietanze”.

Goffredo alzò la mano destra, ed a quel segnale convenuto i suoi militi gettarono oltre le mura la vacca squartata e pronta allo spiedo.

La carcassa dell’animale cadde con un tonfo sordo ai piedi dei soldati sbigottiti, dal ventre dell’animale uscì una cascatella di chicchi di grano.

Tra le file degli assedianti vi fu un fremito di stupore nell’osservare quella carne, da tempo mancante dalle loro mense, e cosi facilmente gettata dal popolo bardigiano. L’animale fu portato verso le tende degli ufficiali superiori, nelle retrovie, mentre rauche grida, lanciate dai cavalieri, ordinavano alle truppe di ritirarsi verso l’accampamento.

Fu una Domenica tristissima per i bardigiani assediati nella Rocca.

Goffredo rimase chiuso nei suoi alloggi; se il piano fosse fallito le colpe sarebbero cadute su di Lui.

Nella notte, dall’accampamento nemico, giunsero molte voci e si intravide tra i falò accesi un grande via vai di soldati indaffarati.

All’alba le assonnate sentinelle osservarono, prima incredule e poi con grande gioia, la lunga fila delle truppe nemiche che, convinte dell’impossibilità di conquistare la Rocca di Bardi, si ritirarono sconfitti verso la pianura.

Leggenda raccontata dalla Signora Anna Ochi Menozzi e rielaborata dal curatore.

VALCENOPERSONAGGI. IL CARDINALE ANTONIO SAMORE’ – 4^ E ULTIMA PARTE.

IL CARDINALE ANTONIO SAMORE’ BARDIGANO BENEMERITO

 By Giuseppe Beppe Conti. – 4^ E ULTIMA PARTE

Essa finalmente si è conclusa con pieno successo e sembra che, grazie al Signore, continua ancora a ispirare azioni di amicizia e di pace tra le due nazioni. L’interlocutore del Cardinale Samorè ha certamente guidato i passi di quanti, adempiendo i mandati del Santo Padre e sotto l’immediata direzione del Signor Cardinale Agostino Casaroli, allora Segretario di Stato, coadiuvato dall’allora ecc.mo Monsignor Silvestrini, abbiamo avuto la gioia di partecipare alla firma del Trattato di Pace e di Amicizia e di vederlo poi ratificato dalle due parti interessate. Con senso di giustizia e con profonda soddisfazione, e quindi doveroso constatare che ciò che il Cardinale Samorè aveva ideato con perspicacia e profetica visione e per cui aveva speso senza riserve le energie della sua chiara mente e della sua ferma volontà, ha avuto quindi pieno compimento. L’omaggio che le Ambasciate di Argentina e di Cile presso la Santa Serle hanno voluto rendere., con questo atto al Circolo di Roma, è ancora una conferma dell’apprezzamento e della gratitudine delle loro Nazioni al grande Cardinale Samorè.. Villa Nazareth Il rapporto del Card. Samore con Villa Nazareth nasce dalla consuetudine con il Card. Tardini,fin da quando, negli anni ’40, lavorava nel suo ufficio ed abitava con lui: Villa Nazareth nacque nel 1946, all’indomani della guerra. mons. Tardini si prodigava nell’aiutare varie istituzioni di beneficenza sorte per alleviare situazioni di povertà e di abbandono specialmente dell’ infanzia e vi faceva confluire cospicui aiuti di benefattori americani. Egli progettò un’istituzione sua, che accogliesse bambini orfani o figli di famiglie numerose, intellettualmente dotati e sprovvisti di mezzi, ai quali dare, una educazione. Continuando la tradizione del Card. Tardini, mons. Samorè propiziava la solidarietà di amici e benefattori e la collaborazione di docenti e uomini di cultura. Si interessava personalmente agli studi e alla vita degli studenti, con sacrificio, sensibilità e partecipazione profonde. Nell’estate 1968 questo rapporto subì una crisi ,che andò aggravandosi per tensioni che lo fecero molto soffrire e lo indussero a chiedere alla Segreteria di Stato di designare una commissione che studiasse i problemi dell’Istituto. Nel luglio del 1969 la commissione decise di sospendere le attività di Villa Nazareth, e fu li momento più doloroso per tutti e per lui: gli alunni della Media rientrarono in famiglia, mentre gli studenti universitari e quelli del ginnasio-liceo si riunirono volontariamente a Roma, in alcuni appartamenti, dando vita ad una comunità autogestita, col valido sostegno di mons. Silvestrini, della prof.ssa Angela Groppelli, e di amici autorevoli, fra i quali il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Giovanni Benelli. Erano cinquanta ed i più grandi di età si posero come riferimento ai più piccoli, in un’esperienza di aiuto fraterno, di attenzione ad ogni persona, di proposta cristiana e di approfondimento culturale che permise a quasi tutti di portare a compimento gli studi liceali e universitari. Quando, dopo un decennio, i cinquanta furono laureati, emerse tra di essi II desiderio di attuare la parte piu profonda dell’ideale del cardinale Tardini: restituire ad altri giovani il frutto dei propri talenti. Nel 1980 si costituì la Comunità Domenico Tardini che cominciò ad accogliere prima a via Dezza, e poi a via Palombini, i primi studenti. In questa iniziativa il cardinale Samore colse subito, con aperta intuizione, il segno che Villa Nazareth stava per rinascere. Era gia sofferente per la malattia e nel colloquio del 6 gennaio 1983 volle dare a mons. Silvestrini e alla Comunità il suo riconoscimento e la consegna ideale. In quello stesso anno Villa Nazareth risorse come collegio universitario, arricchito per la prima volta da un gruppo di studentesse. La Comunità prese cura anche della Scuola Media parificata che il Card. Samore aveva creato a Villa Nazareth sotto la presidenza della sorella prof.ssa Jolanda, e che la comunità sviluppo per alcuni anni in un corso di ginnasio-liceo. II Carmelo di Vetralla Alla morte di Tardini (luglio 1961), succedendogli nella cura del monastero “Monte Carmela” di Vetralla, mons. Antonio Samore mostrò per il monastero uguale premura ed interesse sia nelle case spirituali che materiali. Nel suo paterno rapportarsi alle carmelitane si manifestava in lui una profonda umiltà, che faceva vela alla cultura e ai meriti del laborioso servizio gia prestato con disinteresse alla Chiesa. Desiderava che la comunità religiosa fosse animata da gratitudine per i benefici ricevuti dal card. Tardini e che non venisse mai meno alla spirito di donazione al Signore nella vita comunitaria; questo raccomandava specialmente nella celebrazione del terzo centenario di fondazione del monastero (1669-1969) quando aveva rinnovato la cappella delle monache secondo la riforma liturgica e vi aveva definitivamente sistemato la tomba del Card. Tardini impreziosendola con un artistico bassorilievo in bronzo raffigurante Cristo che ascende alcielo. Nella stessa tomba mons. Samorè aveva predisposto che alla sua morte fossero accolte le proprie spoglie. Nel 1971 collaborò con il Comune di Vetralla alla costruzione del muro di cinta della clausura e fece installare nella casa il riscaldamento centrale per la chiesetta, Le celle delle religiose e i luoghi dove la comunità si raduna per il lavoro e gli atti comuni. Costante la sua assistenza alle carmelitane con la parola, l’incoraggiamento e nuove iniziative, cooperando con generosità anche all’ esecuzione di altri lavori. Presso le Carmelitane il cardinal Samorè amava passare qualche giornata di solitudine, silenzio, ristoro spirituale. Lo fece anche alcuni giorni prima del suo ricovero in ospedale. Si

spense confidando nel ricordo di preghiera della comunità da lui tanto amata. Verso il traguardo Negli anni che seguirono la salute cominciò ad essere seriamente compromessa. Nell’ultimo periodo presagendo che il tempo si era fatto ormai breve ebbe modo di dire: “II Signore e misericordioso con me, mi sta avvertendo e mi da il tempo perché mi prepari”. Fino all’ultimo mostrò quella laboriosità che lo aveva sempre animato, anche nelle ultime settimane quando i medici glielo permettevano o eludeva la loco sorveglianza continuo a ricevere collaboratori, ambasciatori, ministri e amici.Alla fine di gennaio 1983 venne ricoverato alla clinica Villa Flaminia dove ricevette subito la telefonata del papa Giovanni Paolo II che si interessava della sua salute e lo ringraziava per quanto aveva fatto al servizio della Chiesa e della Sede Apostolica e in ultimo per la pace.In pochi giorni la situazione precipito e il 3 febbraio 1983, poco prima delle nove del mattina, spirava, erano al suo capezzale il cardinale Agostino Casaroli e pochi amici tra cui mons. Gabriele Montalvo e mons. Faustino Sainz. Le esequie si celebrarono nella Basilica di san Pietro presiedute da Giovanni Paolo II. Nell’omelia il papa disse: “il suo cammino fu tutto improntato alIa freschezza e all’entusiasmo delle primizie presbiterali. I molti che lo hanno conosciuto, ed hanno avuto con lui qualche familiarità, ne hanno ammirato le virtù umane, cristiane e sacerdotali. di temperamento riservato e schivo, egli possedeva una straordinaria carica umana che s’imponeva per la vivacità dell’intelligenza, per la prudenza, per la larghezza del cuore. Il raccoglimento,la preghiera, la devozione all’Eucaristia e alla Madonna alimentavano in lui la fede, la speranza, carità e lo allenavano,alla infaticabile e fervida operosità, che fu pure una delle caratteristiche della sua non comune personalità”. Venne sepolto nella Chiesa del Carmelo di Vetralla accanto al cardinale Tardini. Conclusione Si concludeva così la giornata terrena di un uomo “non appariscente”, ma di sicura fedeltà a Cristo e alla Chiesa, un sacerdote e un diplomatico in cui il servizio di Dio, dei fratelli e per la pace del mondo si erano intrecciati in maniera fruttuosa. Quando era stato consacrato vescovo il cardinale Antonio Samorè aveva scelto come motto episcopale, lo stesso del Card. Giulio Alberoni: “Auxilium a Domino” ossia “L’ aiuto mi viene dal Signore”, fu questa la serena consapevolezza in cui visse e agì anche nei momenti di maggior difficoltà e impegno. Quando nel linguaggio comune si parla di un curiale o di un diplomatico e facile che in modo affrettato si pensi ad una sorta di burocrate che svolge in maniera meccanica un lavoro d’ufficio, occupato nel disbrigo di pratiche e incartamenti. Questo era certamente lontano dal modo di sentire del nostro cardinale, il quale ad un giovane collaboratore a cui erano caduti alcuni fogli d’ufficio disse seriamente e amabilmente: “Li raccolga e li tenga cari; quelle carte sana anime”. Lezione che lo stesso Samorè aveva imparato alla scuola di Pio XII e del suo maestro Tardini. II diplomatico non perdeva mai di vista il sacerdote. Quando nel febbraio 1993 il cardinale Angelo Sodano, Segretario di Stato, che da lui ricevette la consacrazione episcopale, commemorò il cardinal Samore disse: “Egli ci ha insegnato che la diplomazia pontificia non e altro che una forma di amore per i popoli, un mezzo con il quale i Romani Pontefici si servono per collaborare per la pace e per le nazioni. E questo e stato lo spirito di servizio di cui ci ha lasciato un luminoso esempio.Il compianto porporato”. Il cardinal Samore ricevette durante la sua vita oltre una sessantina di onorificenze da Capi di Stato e dai Gran Maestri di Ordini Cavallereschi, per i suoi meriti e per Ie sue opere umanitarie, sociali e culturali, pur apprezzando tutto questo, egli fu soprattutto sacerdote, vescovo, cardinale per amore di Cristo Signore e al servizio dell’umanità e della pace.

Profilo umano e spirituale.

Il cardinale Antonio Samorè poteva apparire a prima vista “un uomo distaccato e chiuso” anche perché era “parco di gesti e di parole”,. controllato, riservato e discreto. Passato, però il primo momento si scopriva che era “semplice, aperto e cordiale nel tratto e interessato ai problemi altrui”, anche delle gente più semplice o provata dalla vita, come i malati, gli emarginati, i carcerati. Quando poi si trovava tra persone care e amiche sapeva intrattenerle con gusto, confidenza e amabile cortesia, non priva di una vena umoristica e scherzosa. Intelligente, aveva approfittato degli anni di studio con diligenza e impegno, “aiutato da una non comune memoria; rapidità di comprensione dei problemi”. Tutto ciò lo porto con il tempo e l’esperienza a solidità di criterio nello studio delle questioni e relative soluzioni. Non rinviava, non dilazionava, ma affrontava i problemi, cercando di dare risposte sollecite e puntuali. Era di una “tenacia che appariva instancabile e, alle volle, quasi caparbia: quando la mole del lavoro compiuto o qualche disturbo di salute sembravano richiedere una pausa o almeno qualche rallentamento; chiarezza nell’affrontare situazioni o questioni le piu complicate e straordinaria capacita di realizzazione”. Aveva un forte senso del dovere,e cercava sempre di agire con “una soprannaturale rettitudine di intenzione”: Era un lavoratore sodo e serio, umile ed esigente con se stesso e con gli altri. Il carattere di base era emotivo, ansioso, suscettibile e immediato nelle reazioni, se talvolta gli capitava di manifestare vivacemente l’irritazione che provava o di fare una sfuriata ai suoi collaboratori, non mancava poi prontamente di chiedere scusa e fare gesti di pronta riconciliazione. Aveva capacita di applicazione e di realizzazione e delle varie questioni che era chiamato a trattare, cercava di cogliere e comprendere non solo gli aspetti più significativi, ma anche i piu semplici, in modo di avere, per quanto possibile, un quadro completo e quindi valutare il da fare. Prudente e generoso nella spendersi, aveva un senso profondo della Provvidenza di Dio, che guida e conduce la storia degli uomini e che si serve delle creature che si lasciano guidare. Viveva tutto questo con fedeltà al Ministero sacerdotale. E’ stato detto di lui: “Il suo è sempre stato ministero sacerdotale, non un ufficio, un munus”. Aveva fatto sue le virtù che san Vincenzo de Paoli raccomandava ai suoi: semplicità, umiltà, mitezza, mortificazione e zelo per le anime. In questo modo il sacerdote “può farsi tutto a tutti, per tutti guadagnare a Cristo. L’Eucaristia celebrata con molta cura e adorata era il centro della sua giornata, la forza da cui traeva alimento per portare avanti il servizio che gli era affidato. Una tenera pietà mariana coronava la sua vita spirituale, si affidava all’esempio e alla protezione di Maria Mater Gratiae, a cui raccomanda pure l’ultimo respiro. Gustava il silenzio, il raccoglimento, la preghiera in cui si immergeva in maniera profonda e sentita, vi “trovava calma, serenità, gioia”. Il testamento da lui redatto, il 10 maggio 1981,indica chiaramente quali erano le convinzioni profonde del suo cuore: “Nel nome della Santissima Trinità rinnovo anzitutto il mio atto di fede: credo tutto ciò che Dio ha rivelato e la Santa Chiesa Cattolica,Apostolica, Romana insegna. Esprimo al Signore .i più profondi sentimenti di riconoscenza per tutte le grazie, che si è degnato di elargirmi;gli domando perdono per tutte le mie colpe. Sono sinceramente grato a quanti, e sono moltissimi, mi hanno fatto del bene. Chiedo scusa a tutti coloro che, in qualsiasi modo, coscientemente o no, ho offeso e ai quali ho recato danno! Accetto volentieri quel genere di morte, che al Signore piacerà mandarmi”. Nelle ultime disposizioni rivelava con quali sentimenti di abbandono si rimetteva nelle mani misericordiose di Dio. Concludo con le parole del cardinale Agostino Casaroli: “Il forte spirito soprannaturale l’aiutava a superare qualsiasi difficoltà.

FINE

BY GIUSEPPE BEPPE CONTI FB

VALCENOGASTRONOMIA. DALL’ APPENNINO AL PO. DALLA VALCENO ALLA CITTA’. A TAVOLA CON MARIA LUIGIA

GASTRONOMIA. DALL’APPENNINO AL PO. DALLA VALCENO ALLA CITTA‘ N.6/2017 (Serie Valcenoweb.it).  

Battei A. – A tavola con Maria Luigia: buon appetito Duchessa – PR – Battei – 2009.

Questo libro è dedicato alla Prima Donna della storia parmigiana: a Maria Luigia, splendida Duchessa di una corte raffinata ed elegante nella quale ogni aspetto, anche la tavola, si riveste d’un aristocratico fascino. Ne viene offerto, in queste pagine, un simpatico, veloce ritratto: con occhio indiscreto sbirciamo tra le pieghe della sua vita privata ed osserviamo, divertiti, gli intrighi, le passioni, i tormenti, e…gli appetiti, d’una sovrana tanto amata.

Localizzazioni Biblioteca gastronomica Accademia Barilla , Biblioteca Bizzozero , Biblioteca comunale di Langhirano , Biblioteca Palatina.

Testo a stampa (moderno) Monografia

Descrizione *A tavola con Maria Luigia : buon appetito Duchessa / Antonio Battei

Parma : Battei, 2009. 137 p. : ill. ; 16 cm.. Codice SBN PAR1222387

ISBN 9788878831094

Collana Collana Parmigianina. Cucina 1

Primo Autore Battei, Antonio

Note, bibliografia e oggetti digitali

Soggettario Firenze Culinaria – Parma – Sec. 19.

Maria Luisa : d’Asburgo Lorena <duchessa di Parma, Piacenza e Guastalla>

Classif. Dewey 641.594544 CUCINA TIPICA. Parma <prov.>

Classif. gastronomica 9.5.1.7.1 Storia e cultura gastronomica. Storia e cultura della cucina italiana. Storia e cultura regionale italiana Nord. Storia e cultura Emilia Romagna. Parma.

Luogo pubblicazione Parma. Editori Battei. Anno pubblicazione 2009

BY GIUSEPPE BEPPE CONTI