Valcenodialetto. Poesia di Valentina Selene Medici. (Bardi). Con traduzione. “A CAPACITA’ – LA CAPACITA'”.

A CAPACITA’

“Nonnu perché el rondanenne quande i vùréna insemme
i ìgìréna, i s’incrùséna ma i ne se scontrena miga mai?”
“Perché u Signure u gh’à dattu custa capacità.”
“Nonnu a mestra a scora l’à dittu
che in cielu con u su, a lonna, el stelle
gh’è anca tanti pianeti che j en sempre in muvimentu.
Ma perché i ne se scontrena miga mai?”
“Perché u Signure u gh’à dattu custa capacità.”
“Nonnu a mestra l’à dittu anca
che i fiuri, i pra, el piante d’invernu i dormena
per dessedase in primaveira.
Ma cumme i fan a capì quande u mumentu l’è rivà?”
“Perché u Signure u gh’à dattu custa capacità.”
“Nonnu perché ai pé du monumentu gh’è scrittu tanti nummi?”
“J en i nummi di suldà che j en morti in guerra.”
“L’è ina cosa brutta a guerra l’è veira?”
“E sei l’è a cosa pussè brutta che ghe sia.”
“Ma alura perché l’ommu u ne la capissa miga
u Signure u ne gh’à miga dattu a capacità?”
“E u ghe l’à datta, u ghe l’à datta u me picén
e u gh’à dattu anca l’intelligénsa
ma troppu spessu, purtroppu para propriu che u sia sensa.”

LA CAPACITA’

“Nonno perché le rondini quando volano insieme
girano, si incrociano ma non si scontrano mai?”
“Perché il Signore ha dato loro questa capacità.”
“Nonno la maestra a scuola ha detto
che in cielo con il sole, la luna, le stelle
ci sono tanti pianeti che sono sempre in movimento.
Ma perché non si scontrano mai?”
“Perché il Signore ha dato loro questa capacità.”
“Nonno la maestra ha detto anche
che i fiori, i prati, le piante
d’inverno dormono per svegliarsi in primavera.
Ma come fanno a capire quando il momento è arrivato?”
“Perché il Signore ha dato loro questa capacità.”
“Nonno perché ai piedi del monumento
ci sono scritti tanti nomi?”
“Sono i nomi dei soldati morti in guerra.”
“E’ una cosa brutta vero la guerra?”
“E sì è la cosa più brutta che ci sia.”
“Ma allora perché l’uomo non la capisce.
Il signore non gli ha dato la capacità?”
” Gliela data, gliela data piccolo mio
e gli ha dato anche l’intelligenza
ma troppo spesso, purtroppo sembra proprio che sia senza.”

“Dialetti Emiliani e Dialetti Toscani” è il nuovo studio del prof. Daniele Vitali che uscirà entro l’anno. Valceno e Valtaro in primo piano.

In copertina una cartina per dare l’idea dei territori comunali in tutto o in parte trattati dal pubblicando libro “Dialetti emiliani e dialetti toscani”, coi colori distinti in base ai capitoli. (Daniele Vitali).

PER APPROFONDIRE: http://www.bulgnais.com/DialEm-DialTosc.html?fbclid=IwAR15r57rpFF0uwsZeg5zI7XlNPMAch1rBPjYghPrRvPrKfgpw6UswjwCqUU

Sabato 20 agosto 2016 alla riscoperta e conservazione del dialetto con il professor Daniele Vitali, glottologo, che lavora come senior translator/editor presso il Comitato economico e sociale della Comunità Europea a Bruxelles e il presidente di Compiano Arte e Storia arch. Ettore Rulli. Siamo a casa della carissima e gentilissima “bardigiana del sasso” Elisabetta Cella, proprio sotto il castello. (Foto Renata Romitelli).

Valcenodialetto. Poesia di Valentina Selene Medici. (Bardi). Con traduzione. “A LIGNA – LA LEGNA”

A LIGNA

J’anavena a fa a ligna in te Sen
a me mamma e u me papà
cusèi qualche sodu i pudivena risparmià
che sultantu i tochi grossi gh’era da crompà.
L’era ina vacansa per non picenne.
Gh’era l’ombra, u su, l’acqua e a sabbia
e arenta a Furnasèn gh’era ina capelenna
per purtà i fiuri denansi alla Madunenna.
U mangià u se purtava da cà
turta de risu, de patate o ina bonna frità
e culle belle micche de pan de Furòn
con insimma oriu, tumata e sa
denansi a ioci anca mo i veido vurà.
Adessa di ani anca troppu n’è pasà
ma i ricordi in tu co i gh’en restà
perchè el cose belle i ne se pona miga scurdà.

LA LEGNA

Andavano a fare la legna in Ceno
la mia mamma e il mio papà
così qualche soldo si poteva risparmiare
che solo i pezzi grossi c’erano da comperare.
Era una vacanza per noi piccoline
c’era l’ombra, il sole, l’acqua, la sabbia
e vicino a Furnasèn c’era una cappellina
per portare i fiori davanti alla Madonnina.
Il mangiare lo si portava da casa
torta di riso, di patate o una buona frittata
e quelle belle micche di pane di Furon
con in cima olio, pomodoro e sale
davanti agli occhi me le vedo ancora volare.
Adesso degli anni anche troppi ne sono passati
ma i ricordi nel cuore sono rimasti
perché le cose belle non si possono dimenticare.

Valcenodialetto. Poesia di Valentina Selene Medici. (Bardi). “GALENNA”

GALENNA

Gh’è iNaria strana stamaténna in t u pulà
perché el galénne j an decisu de sciuperà.
J en stuffe de sente di
“Te gh’è in servelu cumme ina galénna”.
Propriu lu, che i se dan da fa fen dalla maténna?
Cumme a farisse a padronna a preparà
el turte, el tajadelle e j anulen
per Pasqua, Natale e anca per San Marten?
E pò, cumme mai vunna de lu
ogni tantu a sparissa?
A va forsi in vacansa o in donde a finissa?
Ma a padronna che l’à capì a situasion
a ghe dumanda perdòn
e a ghe prepara in bel paston.
E dighe che i mangena
che i fan u brodu bon.