Cerca

L’Urtulan. Poesia in dialetto bardigiano di Valentina Selene Medici

L’URTULAN
Alla matenna a bunura u partissa
con l’acqua, u su o a nebbia fissa.
U va au mercà a crompà a verdura
per el donne, che i gh’àn sempre premura.
U presemmeru per a salsa.
El sigulle per a frittà. Suchén e catalogna
per a verdura da fa lessà
El patate fritte, i piazena a grandi e picén.
Chi j à fa con l’aiju e chi con l’usmarén.
Lollo, gentilina, lattuga o scarola
du foje de insalata i se mangena vulentéra
magari anca culla, che a vé da Vughéra.
A frutta a vo sempre fresca
chi crompa in pummu, ina peira o ina pesca
e el fragule misse in ta so cesta
E doppu gh’è chi vo l’inguria a Dicembre
e el sirese a Settembre…
Eh, a fà l’urtulan ghe vo ina gran pasiensa
ma del so donne, u ne po’ miga fa sensa.

L’ORTOLANO
Parte alla mattina presto
con l’acqua, con il sole
e anche con la nebbia.
Va al mercato a comperare la verdura
per le massaie che hanno sempre premura.
Il prezzemolo per la salsa, le cipolle
per la frittata. Zucchini e catalogna
per la verdura lessata. le patate fritte
piacciono a grandi e piccini
chi le fa con l’aglio e chi con il rosmarino.
Lollo, gentilina, lattuga, scarola
due foglie d’insalata si mangiano sempre volentieri
magari anche quella che viene da Voghera.
La frutta vuole sempre fresca
mela, pera, banana, pesca
e anche le fragole nella loro cesta.
E poi c’è chi vuole la cocomera a Dicembre
e le ciliegie a Settembre.
Eh!, fare l’ortolano ci vuole una gran pazienza
ma delle sue massaie non può fare senza.

L’ORTOLANO DI ARCIMBOLDO

Lascia un commento

Il Vostro indirizzo email non verrà reso pubblico

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*