Valcenodialetto. Poesia di Valentina Selene Medici. (Bardi). “U MIRACULU DE NATALE”.

U MIRACULU DE NATALE

Ve vojo cuntà ina cosa, che ho truvà, in ti me ricordi.
L’è ina storia che i contavena i vécci
quande anca mò, se fava firossu.
Gh’era ina veduva che anava con u bastòn e missa mà
per culpa de ina bomba che arenta a gh’era scupià.
In fasulettu de terra, du vacche in ta stalla
e trei fijò picen da curà
Ma in tu co a gh’ava u Signure.
Ina vigilia de Natale, con mezu metru de neive
e i fijò a lettu con a freve
in mendicante, alla porta u gh’à piccà
per dumandaghe in po’ de carità.
In tabarru tridu e el scarpe rutte ai pé.
A l’ha fattu setà denansi au cammen
con in piattu de menestra e in bicéru de ven
Doppu a gh’à dittu che in ta stalla l’arisse durmì
e a gh’à dattu i vestì e i stivai, du so poveru marì.
Alla matenna i fijiò a bunura i s’erena desedà
Sensa freve e a messa i vurivena anà.
L’è anà in ta stalla per monze e remondà
E per dì au mendicante da anà a mangià
primma che rivisse con u camiu u caselà
che altrimenti u se mettiva a biastemà.
In ta stalla ne gh’era gnisson, ma u latte l’era in tu bidòn.
In simma alla paja, gh’era i vestì vécci, missi ben
e ina Madunenna con in brassu u Bamben.
L’à pensà che fisse sta u mendicante e l’à pregà u Signure
che u ghe fisse sempre incontrà, del famiglie generuse.
Dopu l’à purtà fora u bidon e a s’è incorta
che anava sensa u bastòn.
Quande l’è rivà u caselà a gh’à contà a faccenda
E lu invece de biastemà, u s’è missu a pregà.
BUON NATALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *