VALCENOLIBRI/VITO FUMAGALLI – Uomini e paesaggi medievali

Fumagalli Vito – Uomini e paesaggi medievali –Bologna – Il Mulino – 1989.

Il rapporto simbolico tra uomo e paesaggio è il punto di partenza dell’analisi condotta da Vito Fumagalli. E’ infatti difficile immaginare gli uomini non collocati in un territorio, rurale o urbano: le loro azioni, le loro ide, i loro progetti hanno condiviso poco o tanto con lo spazio in cui sono vissuti, si trattasse di potenti o di umili borghesi o contadini, laici o gente di chiesa. Ma i paesaggi incombono veramente sull’uomo e questo su di loro, quando egli intende crearli, modificali, correggerli, conquistare nuovi spazi all’agricoltura, organizzare la proprietà, incentivare coltivazioni, dar vita a poderi, villaggi, città, chiese, proteggere alcune piante, abbaterne altre, allevare particolari specie di animali. Nel Medioevo, a differenza di oggi, tutto ciò cambiava su tempi lunghi e Fumagalli spiega questa lenta rivoluzione, cercando di rintracciare la costante in quel magico “Wunderblock” che è la suggestiva ed inesorabile trasformazione del paesaggio.

IN BIBLIOTECA LO TROVO A:

Biblioteche di Arte, Teatro e CSAC , Biblioteca comunale di Bardi , Biblioteca di Busseto , Biblioteca Civica , Biblioteca comunale di Langhirano , Biblioteca comunale di Lesignano Bagni , Biblioteca Umanistica Paolotti , Biblioteca della Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici , Biblioteca comunale di Sorbolo , Biblioteca comunale di Traversetolo , Istituto Superiore Zappa Fermi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *