Valcenodialetto. Poesia di Valentina Selene Medici. (Bardi). Con traduzione. “A CAPACITA’ – LA CAPACITA'”.

A CAPACITA’

“Nonnu perché el rondanenne quande i vùréna insemme
i ìgìréna, i s’incrùséna ma i ne se scontrena miga mai?”
“Perché u Signure u gh’à dattu custa capacità.”
“Nonnu a mestra a scora l’à dittu
che in cielu con u su, a lonna, el stelle
gh’è anca tanti pianeti che j en sempre in muvimentu.
Ma perché i ne se scontrena miga mai?”
“Perché u Signure u gh’à dattu custa capacità.”
“Nonnu a mestra l’à dittu anca
che i fiuri, i pra, el piante d’invernu i dormena
per dessedase in primaveira.
Ma cumme i fan a capì quande u mumentu l’è rivà?”
“Perché u Signure u gh’à dattu custa capacità.”
“Nonnu perché ai pé du monumentu gh’è scrittu tanti nummi?”
“J en i nummi di suldà che j en morti in guerra.”
“L’è ina cosa brutta a guerra l’è veira?”
“E sei l’è a cosa pussè brutta che ghe sia.”
“Ma alura perché l’ommu u ne la capissa miga
u Signure u ne gh’à miga dattu a capacità?”
“E u ghe l’à datta, u ghe l’à datta u me picén
e u gh’à dattu anca l’intelligénsa
ma troppu spessu, purtroppu para propriu che u sia sensa.”

LA CAPACITA’

“Nonno perché le rondini quando volano insieme
girano, si incrociano ma non si scontrano mai?”
“Perché il Signore ha dato loro questa capacità.”
“Nonno la maestra a scuola ha detto
che in cielo con il sole, la luna, le stelle
ci sono tanti pianeti che sono sempre in movimento.
Ma perché non si scontrano mai?”
“Perché il Signore ha dato loro questa capacità.”
“Nonno la maestra ha detto anche
che i fiori, i prati, le piante
d’inverno dormono per svegliarsi in primavera.
Ma come fanno a capire quando il momento è arrivato?”
“Perché il Signore ha dato loro questa capacità.”
“Nonno perché ai piedi del monumento
ci sono scritti tanti nomi?”
“Sono i nomi dei soldati morti in guerra.”
“E’ una cosa brutta vero la guerra?”
“E sì è la cosa più brutta che ci sia.”
“Ma allora perché l’uomo non la capisce.
Il signore non gli ha dato la capacità?”
” Gliela data, gliela data piccolo mio
e gli ha dato anche l’intelligenza
ma troppo spesso, purtroppo sembra proprio che sia senza.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *