Valcenodialetto. Poesia di Valentina Selene Medici. (Bardi). Con traduzione. “A LIGNA – LA LEGNA”

A LIGNA

J’anavena a fa a ligna in te Sen
a me mamma e u me papà
cusèi qualche sodu i pudivena risparmià
che sultantu i tochi grossi gh’era da crompà.
L’era ina vacansa per non picenne.
Gh’era l’ombra, u su, l’acqua e a sabbia
e arenta a Furnasèn gh’era ina capelenna
per purtà i fiuri denansi alla Madunenna.
U mangià u se purtava da cà
turta de risu, de patate o ina bonna frità
e culle belle micche de pan de Furòn
con insimma oriu, tumata e sa
denansi a ioci anca mo i veido vurà.
Adessa di ani anca troppu n’è pasà
ma i ricordi in tu co i gh’en restà
perchè el cose belle i ne se pona miga scurdà.

LA LEGNA

Andavano a fare la legna in Ceno
la mia mamma e il mio papà
così qualche soldo si poteva risparmiare
che solo i pezzi grossi c’erano da comperare.
Era una vacanza per noi piccoline
c’era l’ombra, il sole, l’acqua, la sabbia
e vicino a Furnasèn c’era una cappellina
per portare i fiori davanti alla Madonnina.
Il mangiare lo si portava da casa
torta di riso, di patate o una buona frittata
e quelle belle micche di pane di Furon
con in cima olio, pomodoro e sale
davanti agli occhi me le vedo ancora volare.
Adesso degli anni anche troppi ne sono passati
ma i ricordi nel cuore sono rimasti
perché le cose belle non si possono dimenticare.

Una risposta a “Valcenodialetto. Poesia di Valentina Selene Medici. (Bardi). Con traduzione. “A LIGNA – LA LEGNA””

  1. Stupenda rappresentazione della vita rurale di un tempo. Ora abbiamo piû comodità ma allora era più bella
    Grazie Valentina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *