Valcenodialetto. Poesia di Valentina Selene Medici. (Bardi). “GALENNA”

GALENNA

Gh’è iNaria strana stamaténna in t u pulà
perché el galénne j an decisu de sciuperà.
J en stuffe de sente di
“Te gh’è in servelu cumme ina galénna”.
Propriu lu, che i se dan da fa fen dalla maténna?
Cumme a farisse a padronna a preparà
el turte, el tajadelle e j anulen
per Pasqua, Natale e anca per San Marten?
E pò, cumme mai vunna de lu
ogni tantu a sparissa?
A va forsi in vacansa o in donde a finissa?
Ma a padronna che l’à capì a situasion
a ghe dumanda perdòn
e a ghe prepara in bel paston.
E dighe che i mangena
che i fan u brodu bon.

Una risposta a “Valcenodialetto. Poesia di Valentina Selene Medici. (Bardi). “GALENNA””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *